Sostituzione otturazione in amalgama

Premettiamo che il nostro studio nella sua lunga carriera non ha mai usato o eseguito otturazioni in amalgama, ma ha sempre usato per ricostruzioni, restauri, otturazioni; esclusivamente materiale in “composito” e “ceramica”.

L’amalgama è usata da decenni e continua anche oggi ad essere usata per effettuare otturazioni dentali. L’amalgama delle otturazioni è composta per circa il 50% di mercurio, il rimanente da altri metalli. Ultimamente è di molto interesse l’argomento (con notizie non sempre esatte) che il mercurio usato nelle otturazioni in amalgama è molto dannoso per la nostra salute, sicuramente il mercurio non fa bene al nostro organismo, ma non bisogna certo fare catastrofismi dal momento che è stato provato che una otturazione in amalgama rilascia una quantità di mercurio minore, di quello che normalmente assumiamo consumando alimenti come il pesce. Esistono comunque anche altre motivazioni su cui ragionare.  Per le altre motivazioni  vi invitiamo a leggerle la pagina dedicata.

Nel web vengono indicati diversi procedimenti per la rimozione dell’amalgama,  alcuni di questi sono difficilmente praticabili e comportano alti costi,  altri procedimenti assicurano una certa sicurezza, fattibilità e costi adeguati, altri sono completamente carenti e ovviamente bassi costi.

Il Protocollo che noi utilizziamo è il seguente:

  • Aspirazione efficiente con cannula larga sul dente che deve essere trattato;
  • Aspirazione efficiente con cannula aspira saliva;
  • Micromotore anello rosso con raffreddamento ad acqua;
  • Frese  in carburo di tungsteno adeguate per dividere l’amalgama in blocchi;
  • Diga in gomma.
  • Protezione paziente e operatore

In questo caso l i vapori generati dal taglio e la limatura risultante vengono in gran parte risucchiati, inglobati e eliminati dagli aspiratori in questione, la diga in gomma isola la parte dove si lavora, i pezzettini di amalgama divisi vengono prelevati e smaltiti, il raffreddamento ad acqua garantisce una temperatura costante e sotto controllo durante il taglio dell’amalgama.

N.B.: La sostituzione di otturazioni in amalgama non puo’ essere effettuata in pazienti con allergia per l’amalgama, gravidanza, allattamento, bambini sotto i sei anni d’età, pazienti con gravi nefropatie.

Ovviamente dopo avere tolto l’amalgama, dovrà essere eseguito sul dente un buon restauro in composito o ceramica, altrimenti i problemi cambiano ed invece che avere la preoccupazione del mercurio, si hanno altri problemi legati alla giusta intercuspidazione o a infiltrazioni se non è stato fatto un buon sigillo. Approfondimenti sulla pagina “sostituzione otturazione in amalgama

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH