Sterilizzazione Strumenti

Sterilizzazione strumenti

Una volta finita la cura su un paziente, tutto lo strumentario adoperato viene (con le opportune precauzioni) spostato all’interno di una cassetta nella stanza di sterilizzazione nella zona “strumenti a rischio”. Questi strumenti vengono immersi in una bacinella con un apposito liquido sterilizzante e lasciati il tempo occorrente. Gli strumenti monouso e gli oggetti taglienti vengono bruciati  ed eliminati mediante contenitori appositi (rifiuti speciali).

Dopo che gli strumenti sono stati in bagno il tempo per effettuare una prima sterilizzazione questi vengono:

Messi in vasca ultrasuoni con apposito liquido Lavati e detersi; Asciugati; Imbustati e sigillati Autoclavati Registrati sia su registro che sulle singole buste con numero sterilizzazione e data sterilizz. Riposti al loro posto (chiuso) Gli strumenti anche se non usati vengono di nuovo sterilizzati ogni 3 mesi, questo perchè dopo un certo periodo di tempo, anche se imbustati perdono la loro sterilità.

Gli strumenti sottoposti a sterilizzazione sono tutti quelli usati sul paziente (compreso frese, tiranervi, stumentario canalare, ecc. ) a meno che non si tratti di monouso, i quali vengono eliminati tramite i rifiuti speciali.

Per strumenti usati a sottoposti a sterilizzazione, si intendono anche quelli non usati direttamente sul paziente es. frese e strumentario laboratorio, portaimpronte, ecc. Anche i contenitori dei prodotti usati vengono sterilizzati mediante apposita soluzione.

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH